[2015] gremattecri gremattecri: Plutone

by classeprima
Last updated 5 years ago

Discipline:
Science
Subject:
Planets & Astronomy
Grade:
8

Toggle fullscreen Print glog
[2015] gremattecri gremattecri: Plutone

Plutone:il pianeta nano

Immagine:

Mitologia, nome e storia

Plutone è un nome che richiama la mitologia classica: Plutone, il figlio di Saturno, dominava gli Inferi. Niente di più azzeccato per un pianeta che domina gli spazi remoti del Sistema Solare, il più lontano di tutti dalla luce. Scoperto nel 1930 da Clyde Tombaugh, era inizialmente chiamato Pianeta X, infine venne chiamato plutone da una bambina di 11 anni: Venetia Burney. Nel 2006 l'IAU (International Astronomical Union) ha declassificato Plutone a "pianeta nano", perchè non rientrava nei parametri che si usano per definire un astro pianeta.

Plutone possiede una debole atmosfera, composta prevalentemente da metano, azoto e monossido di carbonio. L'eccentricità dell'orbita di Plutone ha un importante effetto sulla sua atmosfera e la pressione varia sensibilmente al variare della distanza del corpo dal Sole e con il ciclo delle stagioni: quando Plutone si allontana dal Sole, la sua atmosfera dovrebbe gradualmente congelarsi e cadere in superficie, mentre quando si avvicina al perielio, la temperatura aumenta e i ghiacci sublimano in gas. Questo provoca un effetto serra al contrario.

L’orbita di Plutone, la più eccentrica e inclinata tra i pianeti del Sistema Solare.Plutone ruota attorno al proprio asse in un periodo di circa sei giorni, lo stesso di Caronte. Plutone è l’unico pianeta del Sistema Solare a ruotare in sincronia con l’orbita del suo satellite: ciò significa che essi rivolgono l’uno l’altro sempre la medesima faccia. Come Urano e a differenza di tutti gli altri pianeti del Sistema Solare, anche Plutone ha l’asse di rotazione quasi disteso sul piano dell’orbita. Il suo periodo di rivoluzione è di 248 anni.

Atmosfera

Orbita e rotazione

Differenza con la Terra

Il "cuore" di Plutone

Satelliti Plutone

Plutone visto negli anni


Comments

    There are no comments for this Glog.