L'Arena di Verona

In Glogpedia

by sandro1958
Last updated 4 years ago

Discipline:
Arts & Music
Subject:
Architecture

Toggle fullscreen Print glog
L'Arena di Verona

L'Arena di Verona è un anfiteatro romano situato nel centro storico di Verona, simbolo della città veneta insieme alle figure di Romeo e Giulietta.E' uno dei grandi fabbricati che hanno caratterizzato l'architettura ludica romana ed è l'anfiteatro antico con il miglior grado di conservazione, grazie ai sistematici restauri realizzati dal seicento ad oggi. Durante il periodo estivo viene utilizzato per il celebre festival lirico, spettacoli di danza e vi fanno tappa numerosi cantanti e band.

Breve storia

In origine l'anfiteatro veronese sorgeva a circa 70–80 m dalle mura della città.La posizione esterna alla cinta muraria consentiva un afflusso facilitato da parte dell'agro e da altre città. Gli spettacoli si tenevano a distanze abbastanza lunghe gli uni dagli altri, dato il loro alto costo, per cui era normale che arrivassero anche abitanti di altre città ad assistervi.Nel momento della costruzione dell'anfiteatro si tenne conto della popolazione presente a Verona e nelle città vicine, dato che gli spettacoli richiamavano spesso molte persone. La capienza è stata calcolata recentemente per gli spettacoli estivi dell'Arena in 15.000 persone, però si può parlare molto più realisticamente di una capienza di circa 10.000 posti.

La mancanza di fonti scritte circa l'inaugurazione dell'anfiteatro rende molto difficile fornire una cronologia sicura, tanto che in passato, da diversi studi, sono emerse date molto differenti, un periodo di tempo che va dal I al III secolo, anche se ormai è dimostrato che non può essere stato costruito dopo il I secolo, quindi è stata costruita tra l'imperatore Augusto e l'imperatore Claudio. Lo storico Pirro Marconi propendeva in particolare per la costruzione tra il secondo ed il terzo decennio del I secolo, cioè tra la fine del periodo augusteo e l'inizio di quello tiberiano.L'elemento base della pianta dell'anfiteatro è costituito dall'ellisse dell'arena (lo spazio centrale in cui si svolgevano gli spettacoli), che fu quasi sicuramente tracciata sul terreno all'inizio dei lavori: il perimetro esterno dell'anfiteatro si ottenne poi tracciando una linea concentrica a quella dell'arena. Questa ellisse base venne ottenuta con quattro cerchi, di cui i due minori (posti lungo l'asse maggiore) ottenuti suddividendo il semiasse maggiore in cinque parti di 25 piedi l'una, due delle quali altro non sono che il raggio preso all'estremità dello stesso asse maggiore. La curva maggiore invece ha un raggio di sette parti da 25 piedi, con il centro all'estremità del prolungamento esterno.L'arena misura 75,68m x 44,43m, ovvero 250 x 150 piedi romani, dunque una cifra tonda, a conferma della semplicità del modulo base utilizzato, con un rapporto tra asse maggiore e asse minore di 5 a 3. La cavea è invece larga 39,40m, ovvero 125 piedi, mentre le dimensioni massime dell'anfiteatro (asse maggiore x asse minore) sono di 152,43m x 123,23m, ovvero 520 x 420 piedi romani.

Dal 1913 l'anfiteatro veronese è diventato il più grande teatro lirico all'aperto del mondo e, con tale utilizzazione, è stata salvata l'esigenza di conservare il suo carattere di ambiente per spettacoli popolari, tutelando allo stesso tempo la dignità del monumento. Inoltre sono tornati più volte al suo interno gladiatori, belve e persecuzioni di cristiani per la realizzazione di film storici.L'Arena di Verona oltre che essere sede storica della serata finale del Festivalbar, ha ospitato anche la finale dell'edizione 1970 di Giochi senza frontiere e la tappa conclusiva dell'edizione 1984 del Giro d'Italia.L'anfiteatro ha inoltre ospitato negli ultimi anni anche numerosi concerti di musica leggera e spettacoli di danza, tutti di molto successo anche grazie al prestigio di questo teatro unico nel suo genere che ha portato a Verona e visto esibirsi importanti artisti italiani e internazionali.

La musica leggera

L'Arena diVERONA

L'Aida all'Arena di Verona

La Danza


Comments

    There are no comments for this Glog.