La Madonna Del Ponte

In Glogpedia

by paolapalma
Last updated 5 years ago

Discipline:
Arts & Music
Subject:
Architecture
Grade:
5

Toggle fullscreen Print glog
La Madonna Del Ponte

Il quadro della Madonna fu dipinto dal pittore Vincenzo Manno. I fedeli l'hanno adornata con vestiti d'argento e una corona d'oro. Esso viene posto su un carro e trainato dalla chiesetta fino al paese dai devoti

Realizzato da:Jessica Inzerillo, Paola Palma, Giuseppe Riina.

Partinico è un paese in provincia di Palermo. Famosa per il culto della Madonna del Ponte, festa che tocca i suoi devoti da vicino.

Un importante evento di questo paese è una particolare venerazione della Vergine Maria. questa venerazione ha origine nel 1575 quando la gente di questo paese fu salvato dalla peste. Da allora la Vergine Maria è la protettrice di questo paese.

La Madonna del Ponte di Partinico

Il pellegrinaggio inizia il giovedì dopo Pasqua dalle prime ore del mattino fino alle ultime ore della sera. Tutti i devoti della Madonna lasciano il paese a piedi, molti di loro anche scalzi, e arrivano al Santuario dopo cisca due ore. Durante il viaggio i fedeli accendono le torcie e recitano preghiere. Quando arrivano visitano la chiesetta dove si trova il quadro della Vergine.

La domenica dopo Pasqua il quadro viene portato in processione dal Santuario alla Cattedrele di Partinico. Durante la processione il prete recita delle preghiere, dietro di lui c'è il quadro trainato dai fedeli, dietro il sindaco del paese, dopo la banda musicale e infine tutti i fedeli.

Questo evento è diviso in due parti. La prima viene festeggiata la settimana dopo Pasqua e la seconda la prima settimana di Agosto. Durante queste feste il sacro incontra il profano e si alternano musiche e preghiere. Per le strade si possono ammirare le magnifiche luci che illuminano tutte le strade e si può sentire della musica suonata dalle band locali.

All'arrivo in paese la Madonna viene accolta con grande festa, musica e un gioco d'artificio che dura circa venti minuti.


Comments

    There are no comments for this Glog.