France - Pray for Paris

In Glogpedia

by fzheng03569f75f8302cb
Last updated 3 years ago

Discipline:
Social Studies
Subject:
Geography
Grade:
6,7,8,9,10

Toggle fullscreen Print glog
France - Pray for Paris

France pray for paris

Gli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi sono stati una serie di attacchi terroristici sferrati da un commando armato collegato all'autoproclamato Stato Islamico, comunemente noto come ISIS, che ha in seguito rivendicato i fatti: gli attacchi armati si sono concentrati nel I, X e XI arrondissement di Parigi e allo Stade de France, a Saint-Denis, nella regione dell'Île-de-France.

Un attacco terroristico senza precedenti ha assediato Parigi, a meno di un anno dalla strage di Charlie Hebdo, nella notte del 13 novembre 2015. Un commando di attentatori kamikaze ha colpito sei volte in 33 minuti, sparando all'impazzata sulla folla, in strada e nei locali, soprattutto fra giovani che stavano trascorrendo il venerdì sera fuori casa. Un attacco di terroristi senza precedenti in Francia: almeno 129 i morti e oltre 300 feriti. Sette terroristi sono morti, sei sono riusciti ad azionare la loro cintura esplosiva e a farsi saltare come sognano i "martiri" della jihad, gridando "Allah è grande", uno - all'interno del teatro della carneficina, il 'Bataclan' - non ha fatto a tempo ed è stato eliminato dalle teste di cuoio.

Non è la prima volta che in Occidente si sente parlare di ISIS: da più di due anni l’ISIS combatte nella guerra civile siriana contro il presidente sciita Bashar al Assad, e da circa un anno ha cominciato a combattere non solo le forze governative siriane ma anche i ribelli più moderati, creando di fatto un secondo fronte di guerra. L’ISIS è un’organizzazione molto particolare: definisce se stesso come “stato” e non come “gruppo”. Usa metodi così violenti che anche al Qaida di recente se ne è distanziata. Controlla tra Iraq e Siria un territorio esteso approssimativamente come il Belgio, e lo amministra in autonomia, ricavando dalle sue attività i soldi che gli servono per sopravvivere. Teorizza una guerra totale e interna all’Islam, oltre che contro l’Occidente, e vuole istituire un califfato non si sa bene dove: ma i suoi capi sono molto ambiziosi.Oggi l’ISIS è arrivato a meno di 100 chilometri dalla capitale irachena Baghdad. La sua avanzata, rapida e inaspettata, ha fatto emergere i moltissimi problemi dello stato iracheno e ha intensificato le tensioni settarie tra sciiti e sunniti, alimentate negli ultimi anni dal pessimo governo del primo ministro sciita iracheno Nuri al-Maliki. Per capire l’ISIS – da dove viene, che strategia ha, dove può arrivare – abbiamo messo in ordine alcune cose essenziali da sapere. Che tornano utili per capire che diavolo sta succedendo in Medioriente, e non solo in Iraq e in Siria.

cos'è l'isis

Map

Uno degli attacchi terroristici di venerdì a Parigi è stato compiuto allo Stade de France, il grande stadio da 81mila posti che si trova nella periferia nord della città, nel quartiere di Saint-Denis. Tre attentatori si sono fatti esplodere nella zona dello stadio durante una partita amichevole di calcio fra Francia e Germania, causando la morte di tre persone. La partita si è conclusa regolarmente dopo 90 minuti – la Francia ha vinto 2-0 – attorno alle dieci e mezzo di sera, quando la notizia degli attentati si era già diffusa per la città. Quasi nessuno dentro lo stadio sapeva cosa stava succedendo: tra quelli che lo sapevano c’erano i due allenatori, Joachim Löw e Didier Deschamps, che però hanno deciso di non dire niente ai loro giocatori.

La Francia trionferà sulla barbarie". Lo ha detto, questa mattina, in diretta tv il presidente francese Francois Hollande, lanciando un appello "all'unità indispensabile. Le forze di sicurezza e l'esercito sono mobilitate al massimo livello delle loro possibilità: la Francia sarà spietata, non avremo pietà contro i barbari. Quello che è successo ieri a Parigi e a Sant Demis vicino allo Stade de France è stato un atto di guerra commesso da un'armata jihadista contro i valori che noi difendiamo e che siamo: un Paese libero". Hollande ha annunciato tre giorni di lutto nazionale in omaggio alle vittime degli attentati terroristici di venerdì notte a Parigi. La Francia è stata aggredita in modo vergognoso e violento, quindi sarà spietata contro la barbarie dello Stato islamico, agirà con tutti i mezzi, sul fronte interno ed esterno, in concertazione con gli alleati

ATTENTATO AL BATACLAN

ECCO DOVE SONO AVVENUTI GLI ATTENTATI

Lo spazio Schengen, uno degli avanzamenti più concreti dell’Unione europea, è una zona di libera circolazione dove i controlli alle frontiere sono stati aboliti per tutti i viaggiatori, salvo circostanze eccezionali. Lo spazio Schengen è attualmente composto da 26 paesi, di cui 22 membri dell’Unione europea e quattro non membri (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera). Non ne fanno parte Bulgaria, Cipro, Croazia, e Romania, per cui il trattato non è ancora entrato in vigore, e Irlanda e Regno Unito, che non hanno aderito alla convenzione esercitando la cosiddetta clausola di esclusione.L’Austria si unisce ai vari altri paesi che hanno ristabilito i controlli alle frontiere, tra cui Francia, Svezia e Danimarca. In Germania, la questione è al centro del dibattito politico. Il ministro delle finanze Wolfgang Schäuble ha recentemente dichiarato che la prassi dei confini interni aperti potrebbe essere vicina alla fine. Secondo un documento confidenziale emerso a Bruxelles, la Commissione starebbe prendendo in considerazione la possibilità di sospendere Schengen per un periodo di due anni.

opinione di holland

IL TRATTATO DI SHENGEN

Secondo noi,stiamo facendo il gioco dei terroristi in questo caso degl'isis.Nel senso stiamo chiudendo le frontiere per colpa loro e secondo noi quetro è quello che vogliono.Secondo noi in verità quelli dell'isis non sono tutti munsulmani, perchè come nell'attantato di parigi c'erano anche francesi con le mitra.

IL NOSTRO PARERE

video immaggini attentato parigi

ATTENTATO ALLOSTADIO

REAZIONE DEI FRANCESI


Comments

    There are no comments for this Glog.