Afghanistan

In Glogpedia

by MatiDiLenna
Last updated 4 years ago

Discipline:
Social Studies
Subject:
Geography

Toggle fullscreen Print glog
Afghanistan

Afghanistan

La bandiera è composta da tre bande verticali di colore nero (lato dell'asta), rosso e verde. Questi colori sono stati presenti in quasi tutte le bandiere dell'Afghanistan eccetto quelle degli ultimi 20 anni. Lo stemma al centro è tipicamente afghano e rappresenta un mihrab di fronte alla Mecca con un pulpito a fianco.

Questa nuova bandiera è stata adottata dall'Autorità transitoria per l'Afghanistan nel 2002.

Il territorio è in prevalenza montuoso. I numerosi passi naturali che attraversano i rilievi dell'Afghanistan rappresentano importanti vie di comunicazione tra le regioni interne del paese e gli stati confinanti; nei rilievi dell'Hindukush il passo dello Shibar collega la regione di Kabul alla parte settentrionale del paese, mentre il Khyber, sul confine nordorientale, attraversa la catena Sulaiman e collega la regione di Kabul alla città di Peshawar, in Pakistan. A nord-ovest i rilievi digradano nella pianura attraversata dall'Amudarja, mentre a sud e a sud-est lasciano il posto ad aree desertiche.Oltre all'Amudarja che, noto nei tempi antichi con il nome di Oxus, scorre lungo il confine con il Tagikistan, altri fiumi di rilievo sono il Kabul, affluente dell'Indo, l'Helmand, il più lungo del paese, a sud, e l'Harirud, a ovest. Tutti i fiumi, a eccezione del Kabul, sfociano in laghi o paludi.

Il clima dell'Afghanistan è caratterizzato da marcate escursioni termiche sia diurne sia stagionali, dovute soprattutto alla diffusa presenza di alti rilievi.

La vegetazione è composta da foreste di cedri, pini e altre conifere.

I Buddha di Bamiyan erano due enormi statue del Buddha scolpite da una gruppo religioso buddista nelle pareti di roccia della valle di Bamiyan, in Afghanistan, a circa 230 chilometri dalla capitale Kabul e ad un'altezza di circa 2500 metri; una delle due statue era alta 38 metri e risaliva a 1800 anni fa, l'altra era alta 53 metri ed aveva 1500 anni.Nel 2003 vennero inseriti, insieme all'intera zona archeologica circostante e al paesaggio culturale, nella lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità dell'UNESCO, che si è impegnata, insieme ad alcune nazioni, per la ricostruzione delle due statue distrutte il 12 marzo 2001 dai talebani.

Il termine burqa individua due tipi di vestiti diversi: il primo è una sorta di velo fissato al capo che copre l'intera testa, permettendo di vedere solamente attraverso una finestrella all'altezza degli occhi e che lascia gli occhi stessi scoperti, o che lascia scoperti occhi e bocca, che rimane però coperta da una sorta di mascherina come nel cosiddetto bandar burqa. L'altra forma, chiamata anche burqa completo o burqa afghano, è un abito, solitamente di colore nero o blu, che copre sia la testa sia il corpo. All'altezza degli occhi può anche essere posta una retina che permette di vedere parzialmente senza scoprire gli occhi della donna.L'obbligo di indossare il burqa appare conseguenza di tradizioni locali, indipendenti dalle prescrizioni religiose dell'Islam; infatti nelle norme coraniche ci si limita ad imporre l'obbligatorietà del velo

Il paese e la popolazione hanno subito per molti anni la guerra contro l'occupazione sovietica, la povertà, le malattie, la siccità. Negli anni Novantail 9% della popolazione è stato ucciso nei conflitti,il 50% dei villaggi è stato distrutto,il 25% delle strade e 300 ponti sono stati distrutti.Il paese è oggi lacerato da una guerra civile che oppone il governo dei Talebani, che controlla circa il 90% del territorio, alla Northern Alliance che controlla le regioni settentrionali, le maggiori aree agricole. La guerra è particolarmente violenta nelle province di Badahksan, Takhar, Kunduz, Samanghan, Baghlan e Faryab.Dei 17,5 milioni di abitanti, 2,8 milioni sono profughi in Iran e Pakistan, e 20.000 vivono in campi profughi.Il regime dei Talebani non favorisce la ripresa afgana e pone ostacoli all'azione delle organizzazioni umanitarie, sul cui supporto vive oggi il paese. In particolare il regime dei Talebani limita la libertà religiosa e culturale e perseguita le minoranze etniche; le donne subiscono gravi restrizioni della libertà personale sul lavoro, nell'accesso alla sanità; l'economia è in costante regressione (ma l'Afganistan è il primo produttore mondiale di papavero, usato per la produzione dell'oppio e dell'eroina).

SITUAZIONE GENERALE:


Comments

    There are no comments for this Glog.